Mastoplastica Additiva - Chirurgo plastico Napoli - Chirurgia Plastica Napoli - Chirurgo plastico Roma - Chirurgia Plastica Roma - Chirurgia Estetica Napoli - chirurgo plastico Ruesch - Mastoplastica - Mastopessi - Addominoplastica - Rinosettoplastica - Liposuzione - Lifting - Ginecomastia - Blefaroplastica - Otoplastica - Cellule Staminali - Chirurgia delle Labbra - Marco MoraciMastoplastica Additiva - Chirurgo plastico Napoli - Chirurgia Plastica Napoli - Chirurgo plastico Roma - Chirurgia Plastica Roma - Chirurgia Estetica Napoli - chirurgo plastico Ruesch - Mastoplastica - Mastopessi - Addominoplastica - Rinosettoplastica - Liposuzione - Lifting - Ginecomastia - Blefaroplastica - Otoplastica - Cellule Staminali - Chirurgia delle Labbra - Marco Moraci

Mastoplastica additiva Chirurgia Estetica

E' uno degli interventi maggiormente richiesti.

E' l'intervento necessario per migliorare taglia e forma del seno. Grazie all'utilizzo di protesi mammarie che possono essere di forma e taglia diverse si soddisfano le diverse aspettative delle pazienti.

E' un intervento che interessa una fascia di età molto larga (dai 18 ai 55-60 anni).

I risultati

Queste pazienti hanno chiaramente esigenze diverse: le più giovani vogliono un seno più pieno e prosperoso mentre le meno giovani richiedono semplicemente di riempire un seno svuotato per l'età o in seguito a una gravidanza.

Il seno è un elemento estremamente importante per una donna. Simbolo di femminilità e prosperità il seno può donare o togliere molto alla figura femminile. Questo intervento dovrà quindi creare armonia là dove non c'è. Dovrà riempire ma senza creare sproporzioni.

Per questo motivo insisto sempre sulla necessità di ottenere risultati quanto più naturali possibile.
Dedico moltissimo tempo alle visite con le mie pazienti in quanto prima di effettuare tali interventi voglio capire esattamente quali siano le aspettative e le esigenze di ogni singola paziente, ed in base alle diverse esigenze, utilizzerò protesi e tecniche differenti.

Le protesi mammarie oltre ad essere di forma e taglia diversa potranno essere posizionate sotto la ghiandola mammaria o sotto il muscolo pettorale, ottenendo così forme e volumi diversi.
Considero questo intervento come un mosaico in cui tanti elementi devono combaciare insieme: le protesi mammarie sono solo una parte del mosaico, la cosa più impèortante è come utilizzare i tessuti per costruire il mosaico... in pazienti magre la protesi dovrà andare sotto al muscolo, mentre nel caso di seni leggermente cadenti sarà meglio posizionare le protesi sotto ghiandola per ottenere un effetto lifting... e così via.

Anche per la cicatrice ci sono opzioni diverse: dall'areola, dal cavo ascellare o dal solco sottomammario. In realtà però la cicatrice che quasi sempre raccomando è quella periareolare. Tale cicatrice guarisce molto bene e dopo poche settimane diventa quasi invisibile. La cicatrice periareolare non comporta maggiori rischi rispetto alle altre ed è in assoluto quella che guarisce prima.

Questo intervento può essere effettuato in day hospital, in anestesia totale o anche locale con sedazione. La durata dell'intervento è piuttosto breve ed anche il decorso postoperatorio è piuttosto semplice: una settimana per rimuovere i punti di sutura e per tornare alla vita di tutti i giorni; quattro settimane prima di poter fare sport; per quattro settimane bisognerà utilizzare un reggiseno sostenitivo.

E' un intervento di estremo successo.

Decorso post-operatorio

Riposo assoluto per la prima settimana durante la quale bisognerà: evitare sforzi di qualsiasi tipo; evitare di alzare le braccia verso l'alto; non guidare l'auto, non bagnare le cicatrici; non toccare la medicazione; non dormire a pancia sotto né sui fianchi; indossare il reggiseno fasciante; assumere i farmaci prescritti.

  • Dopo sette giorni dall'intervento farete la prima visita di controllo durante la quale i punti di sutura verranno rimossi e dopo la quale si potrà tornare al lavoro, evitando sempre gli sforzi eccessivi.
  • Per le quattro settimane successive all'intervento, indossare il reggiseno fasciante notte e giorno ed evitare sforzi eccessivi.
  • Dopo quattro settimane farete la seconda visita di controllo dopo la quale vi potrete ritenere completamente guarite e potrete tornare anche all'attività sportiva. A questo punto non sarà più necessario utilizzare il reggiseno fasciante. In questa fase dovrete cominciare a massaggiare quotidianamante i seni, muovendoli in senso orario ed antiorario.
  • Per i primi sei mesi non usare reggiseni con ferretto e non prendere sole sulle cicatrici.
  • Dopo i primi sei mesi: visita di controllo finale.